Il '68 e l'istruzione

Prodromi e ricadute dei movimenti degli studenti

Luciano Benadusi, Vittorio Campione, Roberto Moscati

con Guerini e Associati Edizioni, Libri

ebook 6,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

Descrizione

Il cinquantenario del  ̔68 ha suscitato un ampio dibattito che ha impegnato protagonisti e studiosi con contributi di taglio diverso. Per lo più si è parlato del movimento degli studenti con riferimento alla nascita e al suo sviluppo, agli ideali di cui si è fatto portatore, agli effetti a breve o lungo periodo sulla cultura, la politica ed i comportamenti sociali. L’approccio generalista, certo giustificato essendosi il movimento battuto per un cambiamento radicale dell’intera società fin dall’inizio, e maggiormente in seguito, ha travalicato con il pensiero e con l’azione il suo luogo di origine, mettendo in ombra il tema dell’università, per non parlare di quello della scuola, rimasto marginale fin dal suo insorgere.

Autore

Luciano Benadusi, Sociologo dell’educazione. Già professore ordinario e preside della Facoltà di Sociologia all’Università La Sapienza di Roma di cui è oggi professore onorario, è direttore fondatore della rivista Scuola Democratica. Learning for Democracy edita da Il Mulino di Bologna e condirettore della collana Situazioni formative edita da Guerini e Associati. È̔ stato autore e curatore di numerose pubblicazioni, principalmente in materia di scuola, università e formazione. Negli anni giovanili ha avuto esperienze politiche, poi è stato responsabile della sezione Scuola e Università del PSI.

Vittorio Campione, Direttore Generale della Fondazione ASTRID, è stato Capo della segreteria del Ministro Luigi Berlinguer e Consigliere del Ministro Francesco Profumo. È direttore di Scuola Democratica. Learning for Democracy, rivista quadrimestrale edita da Il Mulino.

Roberto Moscati ha insegnato all’Università di Catania, all’Università Statale di Milano, all’Università di Trieste e all’Università di Milano-Bicocca. Ha lavorato a programmi per lo sviluppo del Mezzogiorno presso il Formez di Roma. Ha fatto parte del Gruppo di lavoro ministeriale per la riforma degli ordinamenti didattici dell’Università (1996-1999). È membro del CHER – Consortium of Higher Education Researchers, della EAIR – The European Higher Education Society, del CIRSIS – Centro interdipartimentale di studi e ricerche sui sistemi d’istruzione superiore, Università di Pavia, di UNIRES – Italian Centre for Research on Universities and Higher Education Systems.

Correlati



Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn