Il tesoro del Duce

La vera storia dei valori sequestrati a Dongo alla colonna Mussolini e finiti al Partito Comunista

Gabriele Coltro

eBook, In evidenza, Storia

ebook 6,99 € | cartaceo 19,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Il Mussolini sconfitto della Repubblica sociale di Salò, una colonna di fascisti e tedeschi in fuga sulla via Regina che si inerpica sulla sponda sinistra del lago di Como, la fine del regime che s’arrende ad un manipolo di partigiani tra Musso e Dongo. L’esecuzione sommaria del duce, di Claretta e dei gerarchi. La scomparsa degli ingenti valori che il governo si portava appresso, finiti nelle casse del Partito Comunista di Togliatti. Gli omicidi del capitano Neri e della staffetta Gianna, testimoni scomodi del trafugamento del tesoro. Tutto ricostruito sulla base delle dichiarazioni dei 304 testi che la Corte d’assise di Padova ascoltò nel 1957, a dodici anni esatti dai fatti, in un processo che non vide mai la fine, interrotto dopo quarantaquattro udienze per il suicidio di un giudice popolare e mai più ripreso, finché il velo dell’amnistia relegò nell’oblìo “l’oro di Dongo”.

Autore

Gabriele Coltro nato a Padova nel 1955, ha lavorato a “Il Gazzettino” dal 1977 al 2016. Cronista di nera e giudiziaria, si è occupato di terrorismo e mafia. È stato inviato nel Kurdistan iracheno nella prima guerra del Golfo. Ha effettuato réportage dai Balcani durante il conflitto serbo-bosniaco. È stato inviato in Albania con l’Operazione Pellicano e in Brasile per il programma ONU contro i campi di cocaina nel Sertão Central. A Gaza ha intervistato in esclusiva Yasser Arafat nel trentennale di Al Fatah. Ha diretto la redazione di Rovigo de “Il Gazzettino”.

Ne parlano

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn