Italia. Se la Merkel è Carlo V

Dalla resa di Milano al sacco di Roma. 1494-1527 e 1992-2013. Moro e Cuccia, Serenissima e Berlusconi, Clemente VII e Napolitano e altri parallelismi

Lodovico Festa e Giulio Sapelli

eBook, In evidenza, Istantanee

ebook 4,99 €

Amazon | Apple iBookstoreBookrepublic | Cubolibri | Ebookizzati | Feedbooks | Google Play | Hoepli.it | IBS.it | InMondadori | Kobo Store | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | Libreria Universitaria | Media World | Omnia Buk | Ultima Books

Descrizione

Solo la storia può dare delle risposte alla crisi italiana. Ecco perché due voci indipendenti e fuori dal coro, come Lodovico Festa e Giulio Sapelli, esplorano il tema dei ricorsi nella storia d’Italia per trarne delle lezioni e delle tracce con l’intento di comprendere il tempo che viviamo. Ludovico il Moro come Cuccia, Cesare Borgia come Craxi, i dogi come Berlusconi, Lutero come Ratzinger: dieci similitudini nella storia d’Italia interpretate alla luce del pensiero di due giganti come il Machiavelli e il Guicciardini.

Festa e Sapelli con questi dialoghi, non privi in certi punti di consapevoli forzature, cercano di spingere a guardare più a fondo nella crisi italiana per aprire con il paradosso la via alla ragione: quanto da lontano vengono certe questioni e certe strutture che innervano la società italiana? Quanto sono attuali le riflessioni (contrapposte) di grandi intellettuali come Niccolò Machiavelli e Francesco Guicciardini che osservarono l’ascesa e il declino degli Stati italiani in Europa e i grandi cambiamenti tecnici e geografici del loro tempo?
In che modo l’economia, la politica, la cultura giuridica e la società italiana si nutrono di storia, prima ancora che di tecnicalità?

Un esteso corredo antologico di testi tratti dalla Storia d’Italia del Guicciardini e anche dal Principe di Machiavelli completano i dialoghi di Festa e Sapelli a testimonianza della profondità e dell’attualità di queste riflessioni.

Autore

Lodovico Festa (nato nel 1947), giornalista, commentatore e analista politico, ha fondato “Il Moderno” e collaborato a fondare “Il Foglio” e “Finanza & Mercati”.
Tra i suoi libri: Guerra per banche (2005), Capitalismi (con Giulio Sapelli, 2008), Milano e il suo destino (con Carlo Tognoli, 2009), Il tempo della semina (con Raffaele Bonanni, 2010), usciti da Boroli Editore; I volti dell’arte (con Flavio Caroli, 2007), pubblicato da Mondadori; Ascesa e declino della Seconda Repubblica. Italia 1992-2012, Edizioni Ares (2012).
Con goWare insieme a Sapelli ha pubblicato: L’Italia che si uccideI cento giorni di HollandeObama, l’America e il partito moderno.

 

Giulio Sapelli, Professore ordinario di Storia economica all’Università degli Studi di Milano ed editorialista del “Messaggero, è una delle voci più originali e fuori dal coro tra gli economisti italiani. Intellettuale poliedrico, unisce storia, filosofia, sociologia e cultura umanista in uno stile personalissimo e profondo.
Con goWare ha pubblicato: L’inverno di MontiAMEN! Un grido inascoltato sulla crisi italianaDeclino dalla decadenza all’economia moraleNella crisi del capitalismo, dall’Italia al mondoAltro che primavereChi comanda in ItaliaAgosto 2013. Niente sarà più come primaL’attualità di Marx.
Con Festa: L’Italia che si uccideI cento giorni di HollandeObama, l’America e il partito moderno.

 

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn