Jacqueline

Rocco Cascini

eBook, In evidenza, Narrativa - Pesci Rossi, Romanzo-Racconti

ebook 4,99 € | cartaceo 12,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Riccardo Neri è uno scrittore spavaldo e sicuro di sé. La sua fama è legata a una vecchia trilogia fantasy e ora, dopo molto tempo, ha ritrovato l’ispirazione. Improvvisamente nella sua vita compare la bella Jacqueline ma, nonostante la complicità che si crea tra loro, Riccardo non riesce a conquistarla. Chi è realmente Jacqueline? Che cosa vuole da lui? E perché è così ambigua? L’apparente dolcezza e sensualità della ragazza si riveleranno uno strumento fatale e ingannevole dal quale Riccardo dovrà salvarsi.

Pagina Facebook

Autore

Rocco Cascini vive a Matera. Si è laureato all’Università Bocconi di Milano. È appassionato di scrittura, musica rock, cinema, calcio e teatro. Ama la sua famiglia, la sua città, leggere libri avvincenti, stare con gli amici e il buon vino. Ha già pubblicato due libri Guardie e ladri e L’inganno delle apparenze (Altrimedia Edizioni). Jacqueline è stato vincitore per la Regione Basilicata del premio Rai “La Giara” 2016 con la seguente motivazione:

Dialoghi impeccabili, ritmo incalzante che si alterna tra discorsi serrati, spesso ironici e riflessioni malinconiche  in una lingua molto scorrevole. I personaggi sono descritti con particolari che rendono bene le loro complesse personalità. I luoghi indefiniti possono trovarsi dovunque nel mondo. Riesce persino a rendere credibile un settore – quello dell’editoria – difficilissimo da raccontare, soprattutto per chi non è dentro quelle dinamiche.

Ne parlano

«Una piacevole scoperta, una storia intrigante e interessante. […] un libro originale, scritto molto bene.» Deborah su La stamberga d’inchiosto

 ☛ Ci spieghi come è nata l’idea di questo romanzo? È nata prima la trama o prima il titolo?
☞ Questo romanzo nasce da una crisi creativa. Avevo il famoso blocco dello scrittore e non riuscivo a portare a termine una storia da un po’ di tempo. Così un bel giorno ho pensato di fare di questa crisi la caratteristica del mio protagonista.  Intervista a cura di Silvia Pattarini di Gli scrittori della porta accanto

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn