La conquista del popolo

Dalla fine delle grandi ideologie alle nuove identità politiche

Enzo Risso

con Guerini e Associati Edizioni, Libri

ebook 18,99 € | cartaceo 24,50 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

Descrizione

Il mutamento politico che ha vissuto l’Italia il 4 marzo 2018 non è il risultato della capacità di alcune forze politiche d’imbonire il popolo, di illuderlo o di soffiare sulle paure, ma è il portato di un lungo processo di metamorfosi sociale e politica, che ha coinvolto molti paesi oltre all’Italia. La conquista del popolo non è avvenuta per mano di scaltri oratori e propagandisti, per l’arguzia e l’expertise nell’usare i social, ma perché alcune forze politiche sono risultate in sintonia con l’onda di cambiamento che da anni sta montando e sono divenute, nelle parole d’ordine e nei simboli, il canale attraverso cui le nuove esigenze emergenti dalla società hanno trovato espressione politica e identitaria.

L’Italia di oggi (per come pensa e vota) è il risultato dell’incrociarsi dei mutamenti strutturali intervenuti nelle classi sociali, nel mondo del lavoro, nella società con le trasformazioni indotte dal consumismo e dai social network; degli effetti causati dalle molteplici crisi (economica, climatica, del ceto medio, delle banche, dell’Europa) e, infine, dei fallimenti del liberismo, della globalizzazione, della Terza via, delle élite, ma anche delle politiche per l’immigrazione, per il Sud e per le periferie.

Mutamenti, crisi e fallimenti hanno generato un processo di metamorfosi nella società, nella politica, nelle identità, nelle vision di futuro e nei valori. Il volume propone uno sguardo inedito e complessivo sulle dinamiche profonde che stanno attraversando la società e la politica italiana, gettando un fascio di luce sulle prospettive e sul quadro in divenire.

Autore

Enzo Risso è direttore scientifico della società di analisi SWG e docente presso l’Università La Sapienza di Roma.

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn