La tregua di Natale di Ypres

Cataldo Bevacqua

eBook, In evidenza, Storia

ebook 4,99 € | cartaceo 9,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Ypres, Belgio. Fronte occidentale della prima guerra mondiale. Nella notte del 24 dicembre 1914, un esile abete s’innalza improvvisamente sul parapetto di una delle trincee tedesche e rischiara con le sue fievoli luci le lugubri tenebre della Grande Guerra. Inizia così la Tregua di Natale del 1914, uno degli episodi più commoventi che la storia ci abbia tramandato. Le testimonianze dei soldati ripercorrono le emozionanti fasi della tregua natalizia in un romanzo sospeso fra la Storia, il mito e il sogno.

Autore

Cataldo Bevacqua vive a Castrolibero, comune contiguo alla città di Cosenza, ed esercita la professione di avvocato. Ama giocare con le parole e creare storie. La Tregua di Natale di Ypres è il suo saggio di esordio.

Ne parlano

«Mi sono “messo a studiare” e, nel mio girovagare culturale, durante il quale ho avuto la fortuna di reperire documenti molto interessanti, non ho potuto fare a meno di notare un particolare lessicale davvero curioso: quasi tutti i testi associavano la tregua natalizia al toponimo Ypres, il luogo dove era avvenuta la maggior parte degli episodi di armistizio spontaneo. La Tregua di Natale di Ypres: una frase bella, musicale, direi quasi idiomatica.» Intervista a Cataldo Bevacqua sul blog Letto, riletto, recensito.

«Il romanzo di Bevacqua si legge in una notte, senza interrompersi, tutto di un fiato. L’impianto narrativo è audace: vi si trovano documenti storici e collegamenti con la nostra recente storia. Testi di canzoni e vere e proprie lezioni di mitologia, che ben si interfacciano con il racconto. Saggio, testo storico, documentario, romanzo e persino poesia sono racchiusi tutti in queste pagine che vi invito a leggere. Le festività imminenti, peraltro, saranno il pretesto per una necessaria riflessione sul tema trattato.» Recensione sulla pagina facebook Libriamoci.

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn