Nella mente di Putin

L’hackeraggio dell’Orso e la questione della Russia. Con un saggio di Giulio Sapelli

a cura di John Akwood

eBook, In evidenza, Pamphlet

ebook 4,99 € | cartaceo 10,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Perché i russi hanno dirottato le elezioni americane e stanno hackerando le istituzioni dei principali paesi occidentali? La responsabilità, secondo Putin, è dei vincitori della Guerra fredda che non hanno voluto ricostruire un sistema condiviso di relazioni internazionali, ma si sono affidati all’unilateralismo e all’espansionismo, umiliando la Russia, una grande potenza nucleare. Giulio Sapelli, in un saggio non convenzionale, mostra che le ragioni del putinismo affondano le radici nella storia della Russia, un continente di enormi dimensioni con una indicibile diversità di culture, lingue, religioni e identità. Un aspetto sottoconsiderato nell’attività diplomatica e politica internazionale. Tre esperti di Cyberwar geostrategica ci dicono che Putin non ha fatto altro che trasferire nel ciberspazio, uno spazio spaventoso e fragile, le tattiche e i metodi di azione del KGB con risultati molto più efficaci di quelli ottenuti dalla antica rete di agenti, informatori e quinte colonne dell’urss. Riuscirà Putin nel suo intento destabilizzante? Riusciranno gli occidentali a capire finalmente la questione russa e la sua eccezionalità? C’è da essere pessimisti. Ormai la storia non insegna più niente.

Ne parlano

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn