Su Marx. L’approccio dei due protagonisti della Rivoluzione russa

Con un saggio di Antonio Moscato e un intervento di Giulio Sapelli

Vladimir Lenin, Lev Trotsky

eBook, Filosofia, In evidenza

ebook 4,99 € | cartaceo 9,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Quelle dei due protagonisti della Rivoluzione russa, Lenin e Trotsky, sono due sintesi potenti ed efficaci del pensiero di Marx, il loro condiviso punto di riferimento teorico e politico. Tornare a Marx è la consuetudine di pensatori e rivoluzionari in momenti cruciali della storia. Lenin scrive il suo saggio nel 1913 con la Prima guerra mondiale alle porte, mentre Trotsky lo redige nel 1939, in un esilio amaro, a pochi mesi dallo scoppio della Seconda. Sono due approcci a Marx scritti, entrambi, con uno scopo volutamente divulgativo, ma che mostrano le differenti personalità dei due rivoluzionari. Lenin si rivolge soprattutto ai militanti e alla base del partito bolscevico con l’intento di offrire un approccio fedele e rigoroso della dottrina di Marx (da lui stesso definita così). Quello di Trotsky, invece, è un saggio in inglese sui “principi più validi e attuali contenuti nel Capitale”, destinato soprattutto al pubblico americano. È uno scritto che mira ad attualizzare il pensiero di Marx e a renderlo comprensibile alla gente del più potente sistema economico del mondo. Per Trotsky il marxismo non è una dottrina da applicare, ma uno strumento per agire nel mondo. Agire appunto.

Autore

Vladimir Lenin (1870-1924) è stato un rivoluzionario e statista russo. Guidò la rivoluzione bolscevica del 1917 e fu l’architetto dello Stato sovietico. Sul suo insegnamento i successori costruirono il “leninismo”, che, congiunto al pensiero di Marx ed Engels, divenne il marxismo-leninismo, cioè la dottrina ufficiale dello Stato sovietico. Tutt’oggi viene considerato il più grande leader rivoluzionario e la sua salma è conservata in un mausoleo sulla Piazza Rossa ai piedi del Cremlino.

Lev Trotsky (1879-1940) rappresenta uno dei personaggi più affascinanti e controversi del Novecento. Insieme a Lenin ha avuto un ruolo primario, come capo militare e politico dell’Armata Rossa, nella Rivoluzione russa. Erede naturale di Lenin, venne sopraffatto da Stalin nella lotta per il potere e quindi esiliato e perseguitato. Sostenitore della rivoluzione permanente si batté contro lo stalinismo fino a quando fu raggiunto e assassinato dai sicari di Stalin.

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn