Una 50 special rossa

Claudia Riconda

eBook, In evidenza

ebook 2,99 € | cartaceo 8,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Questo libro è un patto: io scrivo, tu vivi. La tua storia in cambio di un giorno, un mese, un anno di vita in più. Un patto per non arrendersi alla malattia, la sclerosi multipla, e cedere a una scelta estrema: la Svizzera, l’eutanasia. Un piccolo libro ribelle, sorprendentemente vitale, poetico, a tratti brusco, velato di malinconia e poi acceso di speranza. Dove i ricordi di ieri, la Versilia degli anni Ottanta, le canzoni di Peppino di Capri, i piedi nudi nella sabbia e la sfacciataggine di un corpo giovane e sano, si intrecciano con la difficoltà del presente e di un’esistenza confinata nel perimetro fisico di una poltrona. Gli inevitabili colpi bassi del dolore e gli altrettanto inevitabili colpi alti del coraggio, quello che spesso riusciamo a tirar fuori quando in gioco c’è la vita.

Autore

Claudia Riconda si muove tra Firenze, dove è nata, e Torino, dove è rinata. Ha scritto Le vite nuove. Storie da un’altra Italia (Limina Edizioni, 2004, prefazione Margherita Hack). Per Absolutely Free Editore ha pubblicato Room service (2011), Io sono Max (2011, con lo pseudonimo I. W. Survive), iDre@ms. L’estate del divano amore (2014), S-Ex (2014), Star Loves (2015). Per goWare è uscito Grey’s Pride (2015 versione italiana, 2016 english edition, e audiolibro letto da Giuppy Izzo, doppiatrice italiana di Meredith Grey), e Forte vento laterale (2016), raccolta dei suoi migliori reportage usciti negli ultimi vent’anni su “Repubblica”, la sua love story più lunga. Dai sedici anni sempre in sella a una Vespa, attualmente ha una Lx 125 blu.

Ne parlano

«Questo libro è un patto. Io scrivo, tu vivi», avverte nella prima pagina l’autrice. Il “tu” è Lella, sua zia. Malata di sclerosi multipla per trent’anni, in costante lotta col dolore e la progressiva perdita di autonomia, un percorso a ostacoli affrontato con coraggio, la voglia di mollare è forte ma non quanto la tentazione di guardare avanti. Simona Poli la Repubblica Firenze 30/07/2017

Correlati



Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn