Verso un manifatturiero italiano 4.0

Ricerca, tecnologia e non solo

Sesto Viticoli

con Guerini e Associati Edizioni, eBook, In evidenza

ebook 14,99 € | cartaceo 22,00 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Feedbooks | Giunti al Punto | Google Play | Hoepli.it | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | Libreria Universitaria | MondadoriStore | Omnia Buk | TIMreading | Streetlib store

ordina il tuo libro

Descrizione

È universalmente riconosciuto come il settore Manifatturiero ricopra un ruolo centrale nello sviluppo sia delle economie avanzate sia di quelle in via di sviluppo, e che un suo futuro sia concepibile ormai solo nell’ottica di un modello “Industria 4.0”. Il dibattito oggi in corso è dominato dall’importanza di introdurre le varie Tecnologie Digitali (IoT, Big Data, Intelligenza Artificiale, Cloud, Automazione avanzata ecc.) all’interno dei processi e delle organizzazioni aziendali, quasi come se una particolare dotazione tecnologica risolvesse da sola l’insieme delle problematiche e dei ritardi che si sono accumulati nel corso di questa lunga crisi. Pur nel pieno riconoscimento del ruolo essenziale svolto dalle piattaforme IT, ed esaminando nel dettaglio le tecnologie più opportune per assicurare un futuro al sistema produttivo nazionale in termini di innovazione di prodotto, innovazione di processo e di nuovi modelli di business, il volume intende offrire una visione più ampia e di contesto Paese intorno a quegli elementi che sono ritenuti prioritari per costruire una Manifattura Italiana 4.0. In quest’ottica, sono state raccolte testimonianze dirette di strutture significative, pubbliche e private, che operano nell’ambito del sistema ricerca, tra le quali: Pirelli, Km Rosso, Centro Ricerche Fiat, Fincantieri, Farmindustria, Thales, Telecom, Enea, Cnr, Scuola Normale Pisa.

Autore

Sesto Viticoli, laureato in Chimica, ha iniziato la sua attività presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), contribuendo, nei primi anni Ottanta, alla nascita della Scienza dei Materiali in Italia. Dal 1988 al 2011 ha assunto la Direzione Scientifica di molte strutture di ricerca, promuovendo iniziative di networking pubblico/privato nel settore della Scienza dei Materiali. Nel 2011 lascia il Cnr per assumere il ruolo di Vice Presidente dell’Associazione Italiana per la Ricerca Industriale (Airi).

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn