106 tweet sull’ottimismo. L’umorismo come dieta dello spirito

Davide Da Dalt

Tweet

1,99€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Cubolibri | Ebookizzati | Feedbooks | Google Play | Hoepli.it | IBS.it | InMondadori | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | Libreria Universitaria | Media World | Omnia Buk | Ultima Books

Descrizione

L’umorismo è la migliore dieta per lo spirito.

Quando la razionalità fa cilecca, bisogna trovare una chiave spiritosa per aprire la porta che ci tiene rinchiusi in un mondo di preoccupazioni, per guardare la realtà con occhi nuovi, godendo dell’effetto benefico del sorriso e nutrendo il nostro spirito con questo cibo gustoso e nutriente, capace di darci l’energia necessaria per ripartire.

Questo ebook raccoglie numerose riflessioni sul riso, declinato nelle sue numerose sfumature: dalla sensazione che ci fa muovere appena l’angolo della bocca, a quella che ci trascina in un’inarrestabile risata capace di scuotere tutto il nostro corpo, lasciandoci sfiniti e contenti. Potrete sperimentare il vostro umorismo leggendo dei tweet che affrontano temi rilevanti, quali l’infanzia, la vecchiaia, la saggezza, il senso della vita, il passato e il futuro, il coraggio e la morte. Una cosa è sicura, ridere ci fa essere più intelligenti!

Avendo l’estensione di un tweet (max 140 caratteri), le citazioni sono totalmente decontestualizzate, pur mantenendo intatto il loro significato.

Buona lettura e ispiratevi! Abbiamo bisogno di umorismo.

Autore

Davide Da Dalt, nato a Palmanova (UD) nel 1980, dopo la maturità artistica, si laurea in Storia a Trieste con una tesi sull’antisemitismo italiano durante la Seconda guerra mondiale. Da qualche anno vive a Firenze, immerso negli splendori artistici e culturali di questa bellissima città.
È un appassionato di vini, intesi soprattutto come espressione culturale del territorio e delle persone che lo abitano. Si definisce agnostico e fin dalla più tenera età ha nutrito una naturale ritrosia per tutte le impostazioni di pensiero
dogmatiche. Avvicinatosi da poco tempo al buddhismo, è rimasto piacevolmente sorpreso, riscontrando nella sua impostazione filosofica quell’affinità di sentire e quell’aiuto quotidiano che, solo in maniera molto più limitata, aveva colto nelle altre religioni.

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn