Il cerchio di pietre

Enrico Graglia

Narrativa - Pesci Rossi, Romanzo-Racconti

ebook 6,99€ | cartaceo 17,99€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | MondadoriStore

Descrizione

Vincenzo, ragazzo di provincia, fa una strana scoperta al fiume. Ne derivano sogni oscuri e vivide allucinazioni, che ostacolano la sua relazione con l’intraprendente e affascinante Lavinia e lo spingono a credere che in gioco ci sia più della propria sanità mentale. È possibile che qualcuno – o qualcosa – stia cercando di mettersi in contatto con lui? E cosa ci fa un antico e misterioso cerchio di pietre nella campagna piemontese? Ad aiutare Vincenzo, lo scrittore-guru Saverio, in cerca di riscatto da un’esistenza mediocre. I tre protagonisti di questa storia dark, che affonda le sue radici nella provincia italiana, si confronteranno con l’ignoto, causa delle nostre più grandi paure, in cui a decidere l’esito dell’eterno scontro fra Bene e Male è la fragilità stessa dell’animo umano.

Autore

Enrico Graglia, nato a Torino nel 1980, non ricorda di aver trascorso un giorno della sua vita senza leggere. In casa non c’era un televisore e nel 1990 Il signore degli anelli cambiò per sempre il suo immaginario, indirizzandolo al fantastico. Al liceo scrisse i primi racconti, ispirato dalla letteratura italiana e rapito dai libri di Stephen King e Clive Barker, che rimangono tra i suoi autori preferiti. Laureato in legge, oggi vive in Piemonte, sulle colline del Monferrato. Il cerchio di pietre, vincitore del premio Vallavanti Rondoni 2019, è il suo romanzo d’esordio.

Ne parlano

Una storia dark che affonda le sue radici nell’Astigiano nel “Il cerchio di pietre”, romanzo d’esordio di Enrico Graglia. Atnews

Perfetto! È così che definirei questo libro se dovessi usare solo una parola.
“Il cerchio di pietre” è una storia che ci viene raccontata attraverso una narrativa curata, uno stile ricco e corposo che ci dona, al contempo, fluidità e immediatezza. Newbookink.
Il romanzo è perfettamente bilanciato: la storia di Vincenzo, Lavinia e gli altri amici è già molto coinvolgente, è una storia fresca di ragazzi giovani e pieni di voglia di vivere; gli elementi dark fantasy sono ben strutturati e ci vengono introdotti poco per volta attraverso le visioni e i sogni. Le letture di Adso.

Il cerchio di pietre è una storia dalle tinte scure come il petrolio, elettrizzante come una scarica di corrente, avvolgente come le spire di un boa. Dal momento in cui si poggiano gli occhi sulle prime pagine di questo racconto non si ha scampo: si deve continuare a leggere, pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo, persi nel vortice di parole ben accordate fra loro e nelle illusioni di cui cade vittima il protagonista. MuatyLand.

Il Cerchio di Pietre è geniale, complesso ed emozionante. Leggerlo è stato un viaggio verso gli inferi; incuriosisce, spaventa, turba, ma dona speranza. Spinge alla riflessione e mostra dei contenuti di qualità. Mi è piaciuto così tanto che ci penserò per settimane. Mi ha regalato tante emozioni genuine e sono ancora senza parole pur avendolo terminato da qualche ora.Love is in the books.

La motivazione della Giuria del premio è stata: «Il romanzo, articolato, dalla trama complessa, sviscera, in modo netto, deciso, la capacità umana di creare un inferno così feroce da essere difficile da concepire. L’Autore crea immagini, partorite dal lato più oscuro della mente, che incarnano incubi e metafore inquietanti, che fanno riflettere sul cammino intrapreso e sulle scelte che la vita ci pone di fronte, come fossero obbligate da un male profondo. Non manca, tuttavia, la meravigliosa speranza, gravida di inattese possibilità, in grado di ridare forza e coscienza e di rialzare l’essere umano dal baratro, innalzandone l’anima e ridandole nuova vita». FantasyVoice.

Questo romanzo dark fantasy (…) si lascia apprezzare per diversi fattori: l’ambientazione italiana (la storia ha inizio dal torrente Erro, che scorre tra la Liguria e il Piemonte), il ritmo serrato e pieno di suspense, un linguaggio accurato, fluido e molto vivido nelle descrizioni, una trama che si arricchisce via via di momenti carichi di tensione e che stuzzica il lettore soprattutto perché gli elementi horror e agghiaccianti, la presenza di figure fantastiche orripilanti, vanno a toccare l’uomo nelle sue fragilità, in quegli angoli più oscuri della mente dove sono rintanate le sue paure più ataviche, che prendono forma proprio in questi mostri spaventosi. Chicchi di pensieri.

La scrittura di Enrico è possente, definita e rende la lettura davvero molto scorrevole. Il lettore non si annoierà mai durante il viaggio e ne rimarrà davvero stupito fino all’ultima pagina. Mi sono piaciuti i personaggi, ben descritti e immersi in maniera coerente nella trama. Nel racconto è possibile ritrovare alcuni temi come l’amore e l’amicizia usando però, visioni negative come gli incubi.Book dealer.

Uno degli elementi che più ho apprezzato sono le visioni, di cui il protagonista di certo non sarà d’accordo. Queste scene trovo che siano state scritte davvero molto bene, senza risultare pesanti o forzare all’orrore. L’autore è stato molto bravo in questo e sicuramente a chi piace questo tipo di scene, apprezzerà sicuramente. Ancora un altro libro.

In questo libro tra gli altri argomenti c’è la necessità di crescere, di fare i conti con le difficoltà, con le paure e i problemi. Ma più di tutto in questo romanzo ho letto una grande esigenza di riscatto da parte di giovani in balia di una vita che non li fa sentire realizzati, che non li appaga, che a volte distrugge interiormente. RecensioneLibro.it.

Il cerchio di pietre è una metafora della vita in chiave dark fantasy, un’esperienza corredata da elementi intriganti che mira ad essere formativa, non solo per il protagonista, ma anche per il lettore. In conclusione, quello di Enrico Graglia si rivela un esordio meritevole e che lascia presagire altre interessanti sorprese future. Le penne irriverenti.

L’autore descrive con maestria sia il mondo reale che quello invisibile agli occhi umani, dove il caos e la violenza regnano sovrani, e genera nel lettore una sovrapposizione di vivide immagini che ne aumentano la tensione e la paura. In punta di penna Blog.

“Il cerchio di pietre” è un libro intenso, impegnativo, complesso e articolato sia dal punto di vista narrativo che del genere. È un dark fantasy, un thriller, se vogliamo, ma è anche una narrazione a sfondo psicologico […]. Un libro e un caffè.

“Il cerchio di pietre” lo definirei un thriller sia mistico che soprannaturale. Entrano, infatti, in gioco visioni, segni, sogni premonitori, lo stesso cerchio di pietre è un chiaro riferimento al famoso Stonehenge e alle credenze mistiche associate ad esso, e prende letteralmente piede la leggendaria battaglia tra Bene e Male. Gli occhi del lupo.

Classificabile nell’ambito della narrativa fantastica, è un romanzo che ti avvolge gradatamente, sino al raggiungimento di un livello altissimo di tensione, nelle spire di una vicenda ipnotica e affascinante. Giano Bifronte.

[…] il libro è fluido e piacevole da leggere. Un grande limite che ha è purtroppo l’ambientazione, ma questo va a toccare esclusivamente l’immersione, e non il piacere della lettura. Nerdgate, nutre il tuo spirito nerd.

“L’idea è senza alcun dubbio geniale, sotto ogni sua forma: la trama, l’ambientazione ed i personaggi sono molto ben delineati.
Enrico Graglia, con questo romanzo d’esordio esplosivo, un po’ dark, fantasy e horror, riesce a catturare l’attenzione e a non farla perdere per tutta la durata della lettura; unico nel suo genere sotto molto aspetti, un’interessante lettura.” Il Bistrot dei Libri.

Libri e Rencensioni.com | Il cerchio di pietre
La Nuova Provincia – Asti 18/12 /2020 | Pubblicato “Il cerchio di pietre” il primo romanzo di Enrico Graglia
La Stampa – Asti 07/01/2021 | L’oscuro richiamo del cerchio di pietre
La Stampa -Asti 12/2021 | Intervista a Enrico Graglia
LetturaHorror.it 13/01/2021 | Il cerchio di pietre di Enrico Graglia
Gazzetta d’Asti 13/02/2021 | Tre domande a… Enrico Graglia
Leggere: tutti marzo 2021
Intervista a Enrico Graglia | Il buon vecchio libro

 

 

 

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn