L'ha detto un italiano

Guido Di Santo

Tweet

2,99€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Feedbooks | Google Play | Hoepli.it | IBS.it | InMondadori.it | Kobo Store | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | Libreria Universitaria | Media World | Omnia Buk | TIMreading

ordina il tuo libro

Descrizione

‟È solo nell’oscurità più totale che si vedono tutte le stelle di cui è composto il cielo”. 
Inizia con questo “titolo di coda” il viaggio dentro la raccolta L’ha detto un italiano, fatta di citazioni, aforismi, frammenti di film e di canzoni, di poesie e di libri. Frasi da segnarsi e ricordare. Di quelle sentite al buio di un cinema o allo stereo di una macchina, soli in autostrada. Quelle che popolano i diari e si ritrovano nei cessi degli autogrill. Quelle che si collezionano o si promette di farlo, ma poi – spesso – si dimenticano.

In questo ritratto c’è l’Italia, con tutte le sue contraddizioni, le paure, le macerie. Le sue rinascite. Ci sono i grandi italiani (giornalisti, cantautori, registi e scrittori) che l’hanno raccontata sempre, fedeli compagni anche nei momenti peggiori. Nel costante e serrato dialogo con loro, l’autore mostra la fragilità di questo tempo, ma anche l’appiglio solido al quale aggrapparsi. I suoi “titoli di coda”, personali e spesso profani, sono nuove riflessioni, immagini, provocazioni. Si ride, si piange, ci si misura con un interlocutore immaginario, immersi in un itinerario intimo, dove ognuno ritrova qualcosa: punti di domanda, dubbi, amori andati e venuti, smanie e follie; i rapporti con i propri padri, la difficoltà a gestire chi va e chi resta.

Un ebook da leggere e rileggere, da tenere vicino; sul comodino o nell’iPhone. Con i link video e audio ad arricchire le citazioni e la lettura dei post più belli a cura di Giancarlo Padovan, ex direttore di “Tuttosport” e prima firma del “Corriere della Sera” e di “Repubblica”.

ebook trailer

Autore

Guido Di Santo, nato a Bologna nel 1985, nel giorno di una bellissima canzone (29 settembre), è un giornalista con più barba che capelli e dalla gastrite cronica. Cresce a Milano, ma dopo l’università diverse città lo adottano: prima Torino e poi Livorno, dove ancora oggi si sente più a casa che a casa sua. Lavora a “Tuttosport”, Mediaset, “Corriere di Livorno”, e per le due agenzie di stampa e siti web “Datasport” e “LoSpettacolo”, dei quali oggi è il responsabile editoriale. Nella sua storia di giornalista, e non solo, è sicuro di dovere moltissimo a due uomini, uniti sempre dalla lettera “G”. Uno, il direttore, che l’ha gettato nelle notti bianche delle redazioni; l’altro, il vero “Signor G”, per avergli insegnato il valore di ogni singolo dubbio.

Sito web di Guido Di Santo

Pagina facebook: L’ha detto un italiano

Su twitter: @GuidoDiSanto

Ne parlano

«L’ha detto un italiano” è un portolano, lì ci sono i punti cardinali. Quando tutto è perduto, lì dentro c’è ancora chi può suggerire una risposta, può darti uno schiaffo per svegliarti, prometterti una carezza per asciugarti le lacrime, lanciare un bengala dalla riva dell’oceano» Il Fatto Quotidiano

 

«Libri così si bevono come un whiskey senza ghiaccio. E quando ti accorgi di essere a metà, ti penti ormai di aver quasi finito». Lo Spettacolo

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn