Il muro di Berlino e i suoi calcinacci. Cosa c'è da festeggiare?

Leonardo Facco

con Tramedoro, Pamphlet

ebook 4,99€ | cartaceo 12,99€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.itMondadoriStore

Descrizione

Crollati quei 155 chilometri di Muro, nel 1989, sulle ceneri dei partiti comunisti sono sorte “nuove” formazioni politiche socialdemocratiche, che hanno ottenuto un seguito di massa, riuscendo nei diversi paesi a coprire ruoli di governo. I consensi elettorali raccolti dai postcomunisti sono legati in buona misura alle ovvie sofferenze sociali causate dai regimi precedenti, ma addossate al neoliberismo durante il timido passaggio all’economia di mercato. L’Ovest ha esportato a Est la democrazia, non il capitalismo! I neosocialisti hanno convinto le masse che una versione democratizzata del socialismo non sarebbe solo più umana, ma anche economicamente più produttiva ed efficiente. Oggi, nel pieno dei festeggiamenti dei 30 anni della caduta del Muro di Berlino, l’autore ritiene che ci sia poco da festeggiare, perché non è caduto anche il comunismo! Anzi. Il suo crollo ha, paradossalmente, tolto all’Occidente un alibi per chiamare, ed additare, quell’ideologia criminale nel modo più appropriato: dittatura!

Autore

Leonardo Facco è giornalista e scrittore. Vicedirettore del quotidiano “Il MiglioVerde” e della rivista “Enclave” è stato collaboratore di “Libero”, “Il Foglio”, “L’indipendente”, “Il Domenicale” e altre testate. È autore di diversi saggi, tra i quali Schiavi Fiscali (Tramedoro con goWare, 2019), Elogio dell’antipolitica (Rubbettino Editore) e C’era una volta il Che (Simonelli Editore), Liberalismo e cultura popolare (Tramedoro con goWare). È, con Giorgio Fidenato, il fondatore del Movimento Libertario.

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn