Obama, l'America e il partito moderno

Giulio Sapelli e Lodovico Festa

Istantanee, Libri

ebook 2,99 €

Amazon | Apple iBookstoreBookrepublic | Cubolibri | Google Play |
Hoepli.itIBS.it | InMondadori | Kobobooks | LaFeltrinelli
Libreria Rizzoli | Media World | Ultima Books

Descrizione

Nel libro-conversazione “Obama, l’America e il partito moderno” Lodovico Festa e Giulio Sapelli ci raccontano perché la democrazia americana è così speciale e perché nella patria di tutti gli eccessi del capitalismo il voto della povera gente possa cambiare le sorti di un’elezione e di un intero continente.

Gli autori partono dalla riconferma nel novembre 2012 del presidente in carica, analizzando una dura campagna elettorale in tempi di difficoltà economiche, per risalire alle fondamenta della democrazia americana, alla vitalità delle sue plurisecolari istituzioni e in particolare alla funzione che vi esercitano i partiti.
In tempi di spacciatori della supremazia delle élite è utile riflettere su come nella più dinamica delle nazioni occidentali, il peso del voto di un lavoratore dell’auto o di un bottegaio “latino” sia essenziale. E che per conquistarlo agiscano partiti che, lungi dall’essere espressione di inconsistente leggerezza di cui scrive qualche frettoloso osservatore europeo, sono organizzazioni ben radicate storicamente e socialmente, che si trasformano ma restano sempre luogo di selezione di idee e di un ceto politico sostanzialmente autonomo dagli altri poteri che contano in una società complessa come quella americana.

Autore

Lodovico Festa, giornalista, commentatore e analista politico, ha fondato Il Moderno, e ha collaborato a fondare Il Foglio e Finanza e Mercati. Tra i suoi libri: Guerra per banche (2005), Capitalismi (con Giulio Sapelli) (2008), Milano e il suo destino (con Carlo Tognoli) 2009), Il tempo della semina (con Raffaele Bonanni) (2010) usciti da Boroli editore, I volti dell’arte (con Flavio Caroli) pubblicato da Mondadori (2007). Ascesa & declino della Seconda repubblica. Italia 1992-2012 Edizioni Ares (2012).

Giulio Sapelli, Professore ordinario di Storia economica all’Università degli Studi di Milano ed editorialista del Corriere della Sera, è una delle voci più indipendenti, originali e fuori dal coro tra gli economisti italiani. Intellettuale poliedrico combina storia, filosofia, sociologia e cultura umanista in uno stile personalissimo e pregnante. Tra le sue pubblicazioni recenti: Un racconto apocalittico. Dall’economia all’antropologia (2011) e L’inverno di Monti (2012).

Ne parlano

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn