Presidente, non avrà la mia fiducia

Per chi non si riconosce in un Paese che “funziona così”

Matteo Richetti

con Guerini e Associati Edizioni, Libri

ebook 10,99€ | cartaceo 14,50€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | MondadoriStore

Descrizione

Partendo dal discorso in Senato, in cui nega la fiducia al governo Conte, Matteo Richetti ripercorre le tappe del suo dissenso politico, iniziato con il ritiro dalle primarie del Partito Democratico, fino alla nuova alleanza con Carlo Calenda che ha dato vita al partito Azione.
L’autore dettaglia ragioni e retroscena alla base di queste scelte, raccontando il fallimento della politica opportunista e dei partiti ridotti a giochi di nomine, l’incoerenza dei leader, l’inconsistenza delle parole e degli impegni assunti.
Racconta dei cittadini «senza risposta», che hanno intrapreso iniziative personali e collettive per sollevare le proprie sorti, senza attendere uno Stato spesso assente: dai giovani che provano ad accedere a una professione senza clientele e sotterfugi, dai cittadini truffati, alle imprese che lasciano l’Italia, al volontariato che non riceve nemmeno il riconoscimento della propria funzione vitale.
Attraverso un viaggio nelle realtà più coraggiose ed evocative del Paese, l’autore descrive le proposte politiche e programmatiche per non rassegnarsi all’idea che «in Italia funziona così», ponendo le basi per la chiamata a una nuova stagione di impegno politico e sociale, capace di unire i bisogni dei più deboli e la ripresa economica italiana.

Autore

Matteo Richetti, senatore della Repubblica dal marzo 2018. Nato a Sassuolo (Mo) nel 1974, è giornalista pubblicista ed esperto di comunicazione istituzionale. Consigliere regionale in Emilia Romagna dal 2005 al 2010, diventa Presidente dell’Assemblea Legislativa regionale dal 2010 al 2013.

Eletto alla Camera dei Deputati nel 2013, viene nominato Portavoce del Partito Democratico dal maggio 2017 al luglio 2018. Il 10 settembre 2019, dopo aver deciso di non votare la fiducia al secondo Governo Conte, annuncia l’uscita dal PD e intraprende, insieme a Carlo Calenda, il percorso politico che porta alla nascita del nuovo partito «Azione», ispirato agli ideali del liberalismo sociale.

Autore di Harambee (Guerini e Associati, 2016) e «Piccole per modo di dire» (2017) è fondatore e Presidente della fondazione politico culturale «Harambee».

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn