Descrizione

Per riparare ai danni degli anni ’80 ci vorrebbero nuove accise. Un ricarico fisso sui ricordi o un tanto al chilo sui rimpianti.

C’è gente, per dire, che da certe pettinature non ne è uscita più. Cinquantenni con la sciatica da breakdance. Massaie in analisi dopo il taglio di treccine di Boy George.

Un’epoca che ha illuso anche loro: il Fuoricampo da un lato, Lei dall’altro. Oggi anonimi e lontani, con un matrimonio affossato dalle aspettative, figli a cui spiegare e monolocali da arredare. Negli ’80, invece, tutt’altra roba: erano Mister Glamour e Miss Anymore, ventotto anni in due nella gita a Napoli, sospiratori in bermuda da manuale del perfetto amore. Capitolo tot paragrafo enne: che incontro è senza il profumo del glicine a maggio. Che fuga è senza lo scatto liberatorio del lucchetto al motorino.

Alla fine, chissà, la morale è che certe storie devono morire giovani. Come gli eroi, le farfalle, le soste del circo in paese. Perché a scorrerle dopo, cresciute di vent’anni, succede un po’ come con quei dischi ascoltati al contrario: sbuca la profezia, il sottotesto, il messaggio ignorato. E tutta la poesia, di colpo, diventa uno stridere di puntina fra i solchi.

Pagina Facebook di Non posso ospitare 

Autore

Ernesto Giacomino è nato nel ’68 a Battipaglia (SA), dove vive. Musicista mancato (dal pubblico), ha evitato d’un pelo la laurea in Economia ma non la necessità di un lavoro. Attualmente è consulente in amministrazione e comunicazione tecnica d’impresa: nessuno sa cosa significhi, ma bollette e padrone di casa paiono comunque gradire.
Ha pubblicato finora i romanzi D’istinto distante (Allori Edizioni, 2003) e Ponti di ferro (De Ferrari & Devega, 2006); e i racconti Dorina’s Ballad (Logout, 2003), ’Na stizza (antologia La stazione, Terre di mezzo, 2005) e Il quaderno di Orlando (antologia Da Punta Campanella a Capo Palinuro, Aut Aut, 2011). È stato redattore delle testate “Il castello di vetro”, “Itinere” e “Unico Settimanale”; al momento collabora con il quindicinale “Nero su Bianco”.
Ha solo tre passioni dichiarate: il noir, i fumetti argentini e gli aperitivi. E spesso, con un’unica sbronza, riesce a soddisfarle contemporaneamente.

Profilo Facebook dell’autore

Ne parlano

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn