Afghanistan: il ritorno dei talebani. Che cosa è successo nel cuore dell'Asia

Amedeo Maddaluno

In evidenza, Libri, Politica e società

ebook 4,99€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | MondadoriStore

Descrizione

L’opinione pubblica occidentale è sotto shock: l’Afghanistan è tornato nelle mani dei talebani, gruppo di fanatici islamici militanti votati al terrorismo e alla violenza. Tutto questo dopo esattamente vent’anni da quel fatidico 11 settembre 2001 in cui il nostro mondo scoprì il fanatismo religioso musulmano; vent’anni, decine di migliaia di morti e migliaia di miliardi di dollari dopo. Ci stiamo chiedendo se ne sia valsa la pena, e come questo sia possibile. I critici degli Stati Uniti d’America sottolineano come questi vent’anni con la loro ecatombe di vite umane e risorse economiche siano stati spesi invano, in un completo disastro. Gli apologeti di Washington non fanno che ricordarci quanto quei conflitti fossero impopolari, e quanto questa dovuta scelta liberi risorse da concentrare nella sfida contro la Cina. Questo libro prova a fornire una terza chiave di lettura: potrebbero avere torto entrambi. A seconda del quadro strategico globale e dei contesti geopolitici, entrambe le operazioni – l’invasione e il ritiro – hanno avuto un loro senso strategico nelle politiche statunitensi.

Autore

Amedeo Maddaluno si laurea in Economia presso l’Università Bocconi di Milano e inizia a interessarsi di Medio Oriente dopo un’esperienza di cooperazione in Egitto durante la “Primavera araba”. Come analista geopolitico si focalizza anche sullo studio dell’area ex-sovietica, spaziando dagli aspetti militari e a quelli economici e sociologici e ovviamente storici e geopolitici. Collabora stabilmente con la rivista di studi geopolitici Eurasia ed è cofondatore e board member del centro studi Osservatorio Globalizzazione diretto dal professor Giannuli.

Correlati



Condividi su Facebook Twitter LinkedIn