La FIAT in America Latina (1946-2014)

Eugenia Scarzanella

Storia

ebook 9,99€ | cartaceo 19,99€

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | MondadoriStore

Descrizione

Il libro ripercorre alcuni momenti della storia di Fiat in America latina, mettendo al centro le fabbriche, gli operai e dirigenti. I primi stabilimenti di produzione furono aperti nel secondo dopoguerra, con un’espansione di tipo “coloniale” diretta ai paesi in cui era concentrata la maggiore emigrazione italiana. La società creata in Argentina, la Fiat Concord, dalla metà degli anni Cinquanta, in appena un decennio, superò in volume di produzione le maggiori case americane ed europee. Realizzò anche grandi profitti, diffondendo uno stile italiano nella cultura automobilistica. Dal 1972, quando fu rapito e ucciso il suo dirigente Oberdan Sallustro e dopo il golpe militare del 1976, Fiat Concord entrò in crisi. A Torino si decise di lasciare l’Argentina e investire in Brasile. Gli inizi della società brasiliana, Fiat Automoveis, furono difficili. La situazione migliorò solo negli anni Novanta, con la globalizzazione e l’adozione del progetto della world car. In Argentina, Fiat cedette i suoi stabilimenti al gruppo Macri. Il saggio della Scarzanella ricostruisce accuratamente una fase importante e poco conosciuta della strategia di espansione internazionale della famosa impresa italiana.

Autore

Eugenia Scarzanella ha insegnato Storia e Istituzioni dell’America latina all’Università degli Studi di Bologna. Tra le sue numerose pubblicazioni: Italiani d’Argentina: storie di contadini, industriali e missionari italiani in Argentina, 1850-1912, Marsilio, Venezia 1983; Italiani malagente. Immigrazione, criminalità, razzismo in Argentina, 1890-1940, Franco Angeli, Milano, 1999; (a cura di), Fascisti in Sud America, Firenze, Le Lettere; Abril. Da Perón a Videla: un editore italiano a Buenos Aires, Nova Delphi, Roma, 2013.

Condividi su Facebook Twitter LinkedIn