Le affinità affettive

Sandra Faè

Narrativa - Pesci Rossi, Romanzo-Racconti

ebook 4,99 € | cartaceo 14,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Trent’anni dopo la tragedia di Chernobyl, una coppia senza figli ospita una scatenata bimba proveniente da quella località. Con l’arrivo di Natallia, alla quale è impossibile non affezionarsi fino a struggersi al suo ritorno in patria, tutto nella vita di Claudia va a rotoli. In ufficio, il sodalizio con collegafigo è rotto dalla nuova collaboratrice irritante; il negozio dei suoi genitori è in crisi e l’aiuto di una giovane pasticcera senegalese porterà nuovi guai. Intoppi burocratici, un marito nervoso e una famiglia ingombrante completano il terremoto emotivo della protagonista. La maternità negata è il tema portante di questa storia in cui l’ottimo umorismo si alterna a una vena empatica. Sandra Faè ci racconta l’animo femminile e ci commuove, grazie all’umanità di personaggi indimenticabili.

Autore

Sandra Faè è nata e vive a Milano. Sposata con Emanuele, nato a Istanbul con origini tre quarti greche, non ha figli, ma due fantastici nipotini, figli della sua gemella. Lettrice forte, appassionata di scrittura, Sandra ha pubblicato diversi romanzi tra cui, sempre con goWare, Ragione e pentimento, giunto al quarto posto nella classifica di Amazon. Il suo blog è “I libri di Sandra

Ne parlano

«Con Le affinità affettive (goWare edizioni) ci si commuove, si sente con gli occhi del cuore ogni piccola sfumatura dei sentimenti umani. L’autrice, Sandra Faè, sa creare lunghi e profondissimi solchi nell’anima da riempire di affetto e conservare, da tenere stretto quando fuori fa troppo freddo e gli occhi diventano lucidi e si inciampa nella vita. Il suo è un racconto che fa bene al cuore, una prova d’autore da assaggiare a piccoli morsi come una torta coperta di zucchero a velo che imbratta le dita e riempie di dolcezza l’anima. Saziandola, o forse solo provandoci un po’.» Stefania Castella su Meloleggo.it

Correlati


Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn