Gialloverdi e camicie nere. Di Maio, Salvini e il fascismo

Salvatore Sechi

Pamphlet

ebook 4,99 € | cartaceo 12,99 €

Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore

ordina il tuo libro

Descrizione

Il governo Conte in 12 mesi ha fatto riforme che non erano riuscite ai suoi predecessori di centro-destra e di centro-sinistra. Eppure, molti si chiedono se in Italia non stia per tornare il fascismo.
A guidarlo sarebbe il più tellurico Matteo Salvini. Da lui dipendono polizia, carabinieri, prefetti, questori, servizi segreti e guardie di finanza. È, questa, la micidiale macchina da guerra predisposta al Viminale con un duplice obiettivo: non fare più sbarcare i migranti dall’Africa nei nostri porti e ostacolare l’integrazione europea (ostica ai suoi più recenti alleati, cioè Putin e Trump).
Di Maio e Salvini hanno fatto piazza pulita del futuro. I loro partiti sono diventati le repliche di quelli che ci hanno a lungo governato.
Nelle loro fila, critici e dissenzienti sono stati messi da parte per favorire dei Pepè le Mokò (studenti, casalinghe, disoccupati), insieme ad esperti adulatori.
Salvini in testa ha un solo stress, il dividendo elettorale. Lo stesso che Luigi Di Maio ha finora mostrato di sapere solo dissipare.
Il pericolo che corre l’Italia non è di essere salvinizzata, ma quello di vedere ridotti gli spazi della democrazia rappresentativa e di rendere una pura formalità il voto. Espresso il quale, il popolo, come una comparsa, lascia il posto ai sostenitori della democrazia diretta contro quella rappresentativa della tradizione liberal-democratica. Una strada senza uscita.

Autore

Salvatore Sechi è docente e ricercatore di Storia contemporanea nelle Università di Berkeley, Bologna, Ferrara, Montreal, Oxford, Parigi, Torino e Venezia. È stato direttore dell’Istituto italiano di cultura di San Francisco e consulente delle Commissioni parlamentari d’inchiesta sul terrorismo e sulla mafia. Ha curato, tra l’altro, i volumi Deconstructing Italy (University of California, Berkeley 1995), Compagno cittadino. Il pci tra via parlamentare e lotta armata (Rubbettino 2006). Per goWare ha pubblicato La trattativa Stato-mafia sul carcere duro. I governi Andreotti e Amato: tra riforme eversive e cedimento (2016), Dopo Falcone e Borsellino, perché lo Stato trattò con la mafia? (2017), L’apparato para-militare del pci e lo spionaggio del Kgb sulle nostre imprese (2018).

Ne parlano

Nel volume “Gialloverdi e camicie nere”, Salvatore Sechi segnala la trasformazione della democrazia in un rito. Gli elettori non hanno il controllo degli eletti. Sono nate nuove oligarchie. Leggi la recensione su Avanti!

“Gialloverdi e camicie nere”, un saggio di Salvatore Sechi uscito profeticamente alla vigilia dell’incredibile estate di Papeete mette a confronto i modi del “capitano” e quelli del capo del fascismo. Per concludere che il leader della Lega non ha la statura del duce. Leggi la recensione su Il risveglio della Sardegna

Condividi su Facebook Twitter Google LinkedIn